Questo sito utilizza i "cookie" per facilitare la tua esperienza di navigazione. Accetta e continua - Cookie Policy

Pubblicato da Claudio | 07/08/2010 13/08/2010 | 2 | 2558

Le Alpi vicino casa

Sabato 07 Agosto 2010

Pernottamento: Lenzerheide (Svizzera)

Città visitate: Lenzerheide (Svizzera)

Racconto della giornata:

Partiamo dopo pranzo per la Svizzera, ma è già iniziato il rientro degli stranieri e subito dopo Milano iniziano i rallentamenti fino alla coda alla dogana di Chiasso, al Gottardo segnalando addirittura 10 chilometri di coda! Fatta la vignetta 2010 (Euro 31,50), per utilizzare le autostrade svizzere, entriamo in territorio elvetico e seguiamo per San Bernardino. Dopo il passo facciamo la prima sosta per un veloce rifornimento di gasolio. Ripartiamo per Lenzerheide dove decidiamo di fermarci per la notte. Si tratta di una rinomata località sciistica invernale a 1230 mt. di altitudine con oltre 155 chilometri di piste ed in estate è una tranquilla località di soggiorno immersa nel verde. Ci sistemiamo nel camping Gravas *** (Voa Nova 7078, Lenzerheide), un piccolo campeggio familiare immerso nel bosco (è pieno di scoiattoli!) a neanche 5 minuti a piedi dal centro del paese. Ci sistemiamo nella piazzola, ceniamo e facciamo un giro per il centro semivuoto anche se fa un po’ freddo.

Mezzi di trasporto: « Nascondi/Mostra »

Links utili:

Domenica 08 Agosto 2010

Pernottamento: Saint Moritz (Svizzera)

Città visitate: Saint Moritz (Svizzera)

Racconto della giornata:

Il cielo è coperto e non invoglia a rimanere così decidiamo di spostarci verso St. Moritz. Prima però facciamo un giro in paese, è domenica, e c’è movimento addirittura una piccola sfilata con i trattori e i tipici campanacci svizzeri con la gente vestita con abiti tradizionali della festa. Lasciamo il campeggio verso le 11 (costato 44,50 CHF, circa 34 Euro) e seguiamo le indicazioni per St. Moritz che si raggiunge attraversando lo Julierpass, un passo a 2284 mt., con tratti di strada non asfaltati. Ci vuole quindi pazienza per percorrere i 60 chilometri che ci separano, ma una volta arrivati in cima la discesa è breve e presto siamo a Silvaplana, il primo idilliaco paesino che ci si presenta. Sta uscendo un timido sole ed i laghetti e la spettacolare vista delle montagne dell’Engadina ci lascia senza parole. Il campeggio si trova fuori St. Moritz, ma un breve percorso nella natura porta all’ingresso del paese dove si trova il Kempiski Hotel. Il camping Olympiaschanze *** è una grande spiazzo piano immerso nel verde, tranquillo e comodo, diviso a metà dalla pista ciclabile/pedonale che porta in centro. Non costa neppure molto per gli standard svizzeri si intende,...

Leggi tutto »

Mezzi di trasporto: « Nascondi/Mostra »

Links utili:

Lunedì 09 Agosto 2010

Pernottamento: Saint Moritz (Svizzera)

Città visitate: Saint Moritz (Svizzera)

Racconto della giornata:

Sole. Finalmente ci svegliamo con una splendida giornata di sole che illumina le montagne intorno a noi. Non siamo devi veri e proprio alpinisti, ma non resistiamo alla gita sopra le montagne di St. Moritz così sveglia alle 8 e partenza dal camper verso le nove e mezza (ce la prendiamo sempre con calma). Camminiamo fino alla partenza della funivia che collega St. Moritz Bad (1772 mt) a Signal (2130 mt), facciamo due biglietti di sola andata per 20 CHF. Già da Signal si gode uno splendido panorama, ma nell’indecisione optiamo per proseguire per Corviglia a 2486 mt. Sembrava vicino, ma in montagna abbiamo imparato che le distanze ingannano. Ci vuole circa un’ora e 15 minuti per raggiungere il rifugio più in alto da dove parte la seconda funivia per il Piz Nair (3057 mt). La salita è abbastanza impegnativa per noi neofiti, ma il premio di un pranzo in vetta non ci scoraggia e a mezzogiorno siamo su e poco dopo seduti da Mathis. La Svizzera è cara lo sappiamo, ma un bratwurst con rosti di patate e birra a duemila metri di altezza con una splendida giornata di sole non ha prezzo e se ce l’ha costa 58 Euro…In montagna non si sta mai troppo tranquilli e dopo pranzo iniziamo...

Leggi tutto »

Links utili:

Martedì 10 Agosto 2010

Pernottamento: Bormio (Italia)

Città visitate: Bormio (Italia), Livigno (Italia)

Racconto della giornata:

Invece di proseguire in Svizzera decidiamo malauguratamente di puntare sull’Italia: Livigno e poi Bormio. Seguiamo per Zernez per evitare il passo e fare il tunnel che collega la Svizzera a Livigno. Il tunnel costa 30 CHF ed è una lunga galleria ad una corsia, stretta stretta e lunga circa 4 chilometri che permette di sbucare alla fine del Lago di Livigno. Da qui ancora una decina di chilometri ed arriviamo nel porto franco di Livigno che scopriamo essere meta molto ambita nella metà settimana. I parcheggi sono pieni ed è impossibile muoversi con i camper per cui posteggiamo un po’ fuori al centro termale e poi subito dopo pranzo andiamo in centro. Un negozio dopo l’altro di elettronica, liquori e vestiti. A Livigno si risparmia l’IVA e alcool e sigarette costano meno. Essendo molto lungo ci impieghiamo un po’ a percorrere tutta la zona centrale, ma cerchiamo di rientrare prima possibile vista la folla che verso le 15 si va formando. Facciamo gasolio a 0,79 e poi prendiamo la strada per Bormio essendo impossibile pensare di fermarsi la notte. Scegliamo il Passo del Foscagno che arriva fino a 2291 mt e poi scende per la Valdidentro fino a Bormio. Facciamo un po’ di...

Leggi tutto »

Mercoledì 11 Agosto 2010

Pernottamento: Bormio (Italia)

Città visitate: Bormio (Italia)

Racconto della giornata:

Il cielo è coperto anche oggi e decidiamo di andare alle Terme Comunali di Bormio a provare come sono. Ci andiamo ancora la mattina, verso le 10. Sono facilmente raggiungibili perché in centro paese e costano relativamente poco. Il mattiniero fino alle 12 costa 14 Euro. Rimaniamo però un po’ delusi per l’affollamento e non c’è molto da fare, un’ora è sufficiente per passare le varie vasche. All’interno del centro c’è anche una piscina da 25 mt. per chi volesse nuotare ed un solarium oggi vuoto, ma con il bel tempo sicuramente super affollato. Nel pomeriggio facciamo un giro per il paese e ci informiamo per lo sci estivo allo Stelvio dove ci sono alcune piste a 3450 mt. al ghiacciaio e dove si può sciare da Giugno a Ottobre, condizioni meteo permettendo. Compriamo alcuni prodotti tipici come la bresaola e la ricotta fresca. Il nostro fornitore ufficiale di bresaola è il negozio Lasceleira nella centrale via Roma, la bresaola è ottima e la sera diventa regina della nostra cena.

Giovedì 12 Agosto 2010

Pernottamento: Bormio (Italia)

Città visitate: Bormio (Italia)

Racconto della giornata:

Il cielo è coperto ed ha piovuto tutta la notte, indecisi sul da farsi alla fine optiamo per le terme. Essendo già andati ai Bagni Vecchi qualche mese fa, decidiamo per i Bagni Nuovi. Mangiamo presto e prendiamo il primo pullman (gratuito) delle 14:30 che ci porta da Bormio ai Bagni Nuovi che distano qualche chilometro dal centro del paese. L’affermazione dei Bagni Vecchi quale momento di vacanza termale, portò alla realizzazione di un nuovo albergo e di un secondo centro benessere localizzato in un’area più ampia e più facilmente raggiungibile. Era il 1836 quando fu costruito il Grand Hotel Bagni Nuovi. Questi fu chiuso nel 1977 e riaperto solo nel 2003 dopo un lungo intervento di restauro. L’ingresso alle terme costa 45 Euro e da accesso ad oltre trenta differenti servizi termali di cui sette vasche e piscine all’aperto utilizzabili dodici mesi l’anno in un ampio e soleggiato giardino. Il percorso inizia nei giardini, prosegue attraverso un moderno tunnel minimalista e si conclude nel seminterrato in stile liberty dell’albergo. Quattro settori ognuno per un diverso percorso termale: si parte con i Giardini di Venere con il loro percorso rigenerante, si prosegue...

Leggi tutto »

Links utili:

Venerdì 13 Agosto 2010

Racconto della giornata:

Il tempo è ancora brutto e temiamo proprio che ci convenga tornare a casa in anticipo, inutile rimanere fermi un’altra notte a Bormio essendo previsto brutto tempo anche per domani. Un po’ tristi decidiamo allora di muoverci verso l’Aprica, a circa 60 chilometri da Bormio, dove ci fermiamo per mangiare. L’Aprica è quantomeno inospitale per i camper che non hanno posti dove parcheggiare, neppure per una semplice sosta. Finito il pranzo, piove e non ci resta che puntare dritti verso casa dove arriviamo verso le tre e mezza accolti da un primo e timido sole.

Mezzi di trasporto: « Nascondi/Mostra »


Commenti Ricevuti

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
Registrati adesso!

Login

Username:



Password:



Rimani connesso




Registrazione nuovo utente