Questo sito utilizza i "cookie" per facilitare la tua esperienza di navigazione. Accetta e continua - Cookie Policy

Pubblicato da Antonella | 16/08/2011 24/08/2011 | 6 | 1850

Estate in Provenza

Martedì 16 Agosto 2011

Pernottamento: Arles (Francia)

Racconto della giornata:

Abbiamo 8 giorni di vacanza e con altri quattro amici decidiamo di trascorrere alcuni giorni non troppo lontani da casa. Si parte con due auto, avevamo preso informazioni sull'affitto di un mini-bus ma il costo era eccessivo, poi a destinazione utilizzeremo una sola auto che è abilitata al trasporto di sei persone (anche se due posti un po' sacrificati, ma le tappe saranno brevi). Dopo alcune soste e il pranzo a Ventimiglia arriviamo al nostro primo albergo Mas de le Fenièr a cinque chilometri da Arles, nella frazione di Raphèle les Arles, della catena dei Logis che non sono dispendiosi, ma comunque accoglienti. Dopo cena cerchiamo di stabilire un programma di massima per il giorno successivo.

Links utili:

Mercoledì 17 Agosto 2011

Pernottamento: Arles (Francia)

Città visitate: Les Baux-de-Provence (Francia), Saint-Rémy-de-Provence (Francia), Tarascon (Francia)

Racconto della giornata:

Una bella colazione e si parte tutti insieme per la prima tappa a Les Baux-de-Provence appollaiato su uno sperone roccioso con rovine della città medioevale un tempo raffinata corte. Percorriamo la via principale del borgo tra case del XV secolo alcune con belle finestre crociate. La chiesetta romanica di St. Vincent a tre navate molto semplice dove una lapide ricorda che questo sito si trova sotto il protettorato della famiglia Grimaldi. L'insieme del villaggio è piacevole anche se molto turistico considerando il numero di negozi e negozietti che offrono di tutto. Seconda tappa prevede una sosta sull'altopiano degli Antiques dovesi trovano due monumenti romani degni di ammirazione: un cenotafio (mausoleo alto circa 20 metri) e un arco di trionfo con sculture che rappresentano prigionieri in catene, questi reperti segnavano l'ingresso alla città di Glanum. Un sentiero vicino conduce all'Abbazia di St.Paul de Mausole in stile romanico adibita a ospedale psichiatrico dove Van Gogh si fece rinchiudere volontariamente per un anno e dove produsse circa 150 tele tra le quali i famosi Iris e il Campo di grano con cipresso. E' ora di pranzo e a Saint-Rémy-de-Provence troviamo posto...

Leggi tutto »

Giovedì 18 Agosto 2011

Pernottamento: Arles (Francia)

Città visitate: Avignone (Francia), Orange (Francia), Vers-Pont-du-Gard (Francia)

Racconto della giornata:

Partiamo alle 8,30 la tappa più lunga che ci porta ad Avignone, Orange, Pont du Gard. Arriviamo verso le 9,30 nel grande parcheggio c'è posto (al nostro ritorno è pieno!) e subito si presentano i bastioni della città: imponenti, 4 chilometri e all'origine 12 porte ora rimaste solo 4. Questa muraglia coronata da merli è difesa da una serie di torri costruite in pietra calcarea abbondante in tutta la regione. Per le 10,30 prenotiamo la visita guidata. Nell'attesa visitiamo la Cattedrale di Notre-Dame-des-Doms (vicino al Palazzo dei Papi) che ha una poderosa torre con la statua della Vergine sulla sommità. Sul fianco della Cattedrale un giardino pubblico che offre una bella vista sul fiume e sul ponte St.Bénézet costruito e smantellato per l'assedio del 1226. Per via delle correnti del fiume il ponte subì parecchi crolli e alla fine gli Avignonesi vista l'entità dei danni rinunciarono a ripararlo. Le quattro arcate superstiti risalgono al pontificato di Clemente VI e la parte più antica è la cappella sul secondo pilone. Nella piazza davanti al Palazzo gruppi di giovani cattolici proveniente da diversi Stati si riuniscono cantando inni e ballando. Iniziamo la visita dopo...

Leggi tutto »

Venerdì 19 Agosto 2011

Pernottamento: Arles (Francia)

Città visitate: Aigues-Mortes (Francia), Saintes-Maries-de-la-Mer (Francia)

Racconto della giornata:

Oggi il tour prevede la Camargue con tappa a Saintes-Maries-de-la-Mer e Aigues-Mortes. La Camargue è nata dal mare e dal fiume, terra mobile intrisa d'acqua e di sale, parco naturale regionale, include il delta del Rodano. Sainte Marie è l'anima della Camargue eletta a patria degli zingari. Si racconta che dopo il 18 d.C. le Sante Marie (Maria di Giacobbe sorella della Vergine, Maria Salomé madre degli apostoli Giacomo e Giovanni, Maria Maddalena e altri arrivarono sulle rive della Camargue dove eressero un oratorio in atto di ringraziamento e l'attuale chiesa, eretta sul sito dell'oratorio per volere popolare, conferma la grande fama del culto delle Sante. Arriviamo in questo paese e riusciamo a parcheggiare in centro. Il solito mercatino ci distrae con le sue bancarelle di frutta, olive, saponi, salumi etc. L'intenzione iniziale era quella di affittare delle biciclette e fare il giro ma, ahimè, è tardi e non ce la sentiamo di pedalare sotto il sole delle ore più calde, a questo punto optiamo (la scelta non si è rilevata comunque felice) per una gita nel pomeriggio con il fuoristrada. Nell'attesa visitiamo la chiesa delle Tre Marie, andiamo a vedere la spiaggia e ci...

Leggi tutto »

Sabato 20 Agosto 2011

Pernottamento: Le Muy (Francia)

Città visitate: Arles (Francia), Nîmes (Francia)

Racconto della giornata:

Questa mattina dopo aver fatto le valige (che ritireremo nel primo pomeriggio) andiamo a visitare Arles. Si inizia con la Piazza della Repubblica nel cui centro si innalza l'obelisco con la sua vasca. La Cattedrale di St.Trophime con un magnifico portale (scultura romanica) alla base delle statue di rara finezza separate da colonne. Il timpano occupa la parte maggiore del portale dove un Cristo Maestoso sembra staccarsi dal fondo. Dal lato destro della chiesa si accede al chiostro con il pozzo, l'acquasantiera dei canonici. I canonici erano preti che praticavano la loro vita religiosa tra la gente comune e avevano il compito di accogliere i pellegrini, curarli, soccorrerli oltre a insegnare la fede, redigere manoscritti ed assicurare le cerimonie. L'anfiteatro di epoca romana è ben conservato. Oggi restano solo due file dei 60 portici. Le decorazioni sono di ispirazione ellenica. L'arena si estende a 2,5 metri sotto i primi gradini per permettere i combattimenti di fiere. Una delle manifestazioni che si tengono è quella della “coccarda d'oro” che consiste per i partecipanti di strappare una coccarda dalle corna di un toro. Il teatro antico è il più bel monumento della...

Leggi tutto »

Links utili:

Domenica 21 Agosto 2011

Pernottamento: Le Muy (Francia)

Città visitate: Grasse (Francia)

Racconto della giornata:

Il programma prevede le gole del Verdon e Grasse. Il viaggio richiede più di un’ora e mezza ma siamo in compagnia e la strada non ci annoia anche se è piuttosto monotona e con curve. Giunti in cima dal balconcino panoramico (chi non ha il senso delle vertigini) ammiriamo queste gole che il fiume ha scavato profonde tra le falesia e dove si alternano rapide di varie difficoltà. Probabilmente per apprezzare questa natura bisognerebbe scendere alla base e cimentarsi in uno di quegli sport acquatici che vengono proposti come rafting, canyoning (corpo libero solo con il salvagente), kayak. Mi sarei cimentata in uno di questi sport d'acqua volentieri, ma la maggioranza si rifiuta categoricamente e allora ci rinuncio. Proseguiamo per Grasse una bella cittadina rinomata per la produzione di profumi. Qui nacque il pittore Fragonard e nella villa-museo si trovano alcune delle sue opere. Noi passeggiamo per le viuzze proprio come turisti cercando di cogliere particolarità. Verso le 13 ci sediamo al café Max e mangiamo qualcosa senza pretese (costo 121 euro x 6). Il caldo comunque non si è attenuato e decidiamo di rientrare.

Lunedì 22 Agosto 2011

Pernottamento: Le Muy (Francia)

Città visitate: Aix-en-Provence (Francia), Saint-Raphaël (Francia)

Racconto della giornata:

Oggi il programma prevede Aix-en-Provence. Qui nacque il pittore Cézanne. E' una città di arte e cultura luogo di villeggiatura. Nella sua storia ha avuto periodi di auge e di decadenza. L'ampio viale creato sul tracciato delle vecchie mura medioevali è il fulcro della vita cittadina e qui numerose bancarelle espongono i prodotti tipici provenzali, eleganti palazzi fiancheggiano il corso tra cui l'Hotel de Ville caratteristico del primo barocco con il suo balcone in ferro battuto e il cancello in ferro fuso. A fianco è la Torre dell'Orologio che conserva l'orologio astronomico del 1661. Rimangono solo 4 delle 7 statue di legno che figuravano i giorni della settimana. La Cattedrale di Saint-Sauveur costruita sul luogo di antichi santuari e composta da due chiese poste accanto; la cattedrale romanica diventata il lato destro e la grande navata gotica. Numerosi negozi e altrettante fontane ricordano l'etimologia di Aix: città termale. Con 105 euro (in 6) mangiamo qualcosa nella piazza dell'orologio e poi facciamo qualche acquisto. Oggi la piscina ci attende e rientriamo per una nuotata rigenerante. La serata prevede cena a St. Raphael sulla costa. Arriviamo in questa cittadina...

Leggi tutto »

Martedì 23 Agosto 2011

Pernottamento: Le Muy (Francia)

Racconto della giornata:

Questa mattina la trascorriamo in pieno relax tutti a poltrire all'ombra e a nuotare in piscina; solo verso mezzo giorno decidiamo di andare a fare un giro in un ipermercato per gli ultimi acquisti. A ricordo dei viaggi precedenti faccio incetta di paté, fagiolini verdi, preparati per crepes e maionese. Almeno qui la temperatura è corroborante! Per la sera troviamo un ristorante gestito da un francese con genitori italiani a La Motte dove a mala pena troviamo un tavolo all'interno. Fuori dall'Italia vanno solo i piatti unici e se per caso sbagli a ordinarne due stai pur certo che non riesci a finirli chi infatti ha ordinato il menu fisso di 24 euro ha avuto difficoltà a terminarlo (4 menu, 2 piatti scelti, 8 birre a 160 euro).

Mercoledì 24 Agosto 2011

Racconto della giornata:

Con tranquillità ci prepariamo per il rientro, la vacanza purtroppo è finita, abbiamo visto parecchie cittadine con un tuffo nella storia romana. In Provenza abbiamo macinato circa 600 chilometri e soprattutto ci siamo divertiti un sacco. Ora ci mancano circa 600 chilometri e poi saremo di nuovo a casa!


Commenti Ricevuti

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
Registrati adesso!

Login

Username:



Password:



Rimani connesso




Registrazione nuovo utente