Questo sito utilizza i "cookie" per facilitare la tua esperienza di navigazione. Accetta e continua - Cookie Policy

Pubblicato da Claudio | 16/07/2004 31/07/2004 | 2 | 1258

Da Vienna alle spiagge della Croazia

Venerdì 16 Luglio 2004

Pernottamento: Tarvisio (Italia)

Città visitate: Tarvisio (Italia)

Racconto della giornata:

Partiamo alle 12 per tentare di arrivare il più lontano possibile in modo da ridurre al minimo i chilometri per domani. Lombardia, Veneto e quindi Friuli. Alle 17 e 30 eravamo al Tarvisio, nubi grigie e minacciose, tant’é decidiamo di uscire all’uscita dell’autostrada prima del confine, dove troviamo un parcheggio che sembra tranquillo vicino alla funivia, ma alle 11 la pizzeria di fronte si trasforma in discoteca e siamo costretti a spostarci più giù sotto il cavalcavia della strada che porta a Tarvisio centro (4 km) e dormiamo lì. Fa freddo e dormiamo nei sacchi a pelo.

Mezzi di trasporto: « Nascondi/Mostra »

Sabato 17 Luglio 2004

Pernottamento: Vienna (Austria)

Città visitate: Vienna (Austria)

Racconto della giornata:

Siamo pronti per partire quando una coppia di RE ci chiede informazioni sui campeggi a Vienna, la loro meta. Decidiamo di andare insieme perché tanto anche loro volevano arrivarci in giornata così prima facciamo la vignetta per le strade (7,6€) e poi imbocchiamo l’autostrada per Vienna, passiamo Villach e quindi Graz diretti verso la capitale. Pranzo in un’area di sosta per ripartire verso le 2 a soli 150 km dalla meta. La parte più difficile é sempre trovare il campeggio, soprattutto nelle grandi città. Noi puntiamo al camping Wien West II, che avevamo trovato su internet. Usciamo dalla A2 forse un po’ presto, ma poi chiedendo scopriamo non é andata male. Le indicazioni del camping partono solo a 4-5 km dallo stesso, comunque lo troviamo. Ci sistemiamo, doccia e quindi via in città. Prendiamo l’offerta 98€ 4 notti per 2 persone, con comprese 2 Vienna Card per girare per 3 giorni su tutti i mezzi pubblici che normalmente da sola costa 17€. Per il centro bisogna prendere l’autobus, il 148 o il 152, quindi la linea U4 della metro. Si sale al capolinea di Hütteldorf, noi scendiamo alla stazione di Karlsplatz. Per oggi decidiamo di fare solo un giro visto che...

Leggi tutto »

Mezzi di trasporto: « Nascondi/Mostra »

Domenica 18 Luglio 2004

Pernottamento: Vienna (Austria)

Città visitate: Vienna (Austria)

Racconto della giornata:

Il campeggio é verde e ombreggiato, magari non curatissimo, ma docce, lavabi, camper service e supermercato piccolino ci sono. Ieri per Vienna (a parte in centro) non c’era molta gente e oggi pure, solo turisti. Vedremo lunedì. Oggi siamo partiti con l’idea di fare Schoenbrunn e siamo andati là, abbiamo visto i bellissimi giardini e la maestosa fontana, ma la coda sotto il sole all’ingresso ci ha fatti desistere dall’entrare nel palazzo. Torniamo al camper per un’insalatona e presto ripartiamo per il Belvedere. Dopo una lunga camminata sotto il sole decidiamo di visitare il Schatzkammer, la Camera del Tesoro, museo a pagamento (quale non lo é qui a Vienna!!) dove sono contenute corone, scettri e pietre preziose degli Asburgo. Dopo la visita, che non dura molto, ma che vale la pena, decidiamo di andare a vedere con la U3 e U1, scendendo a Schewedenplatz, la casa di Hundertwasser, in Kegelgasse 37-39. E’ un edificio stilisticamente molto particolare che merita un paio di fotografie. Quindi per raggiungere la metro più vicina ci mettiamo a camminare lungo il Danau Kanal, fa molto caldo ed il sole picchia. Andiamo all’Hotel Sacher e a 9 euro ci mangiamo due fette di...

Leggi tutto »

Lunedì 19 Luglio 2004

Pernottamento: Vienna (Austria)

Città visitate: Vienna (Austria)

Racconto della giornata:

Stamattina partiamo prima perché il programma é ricco. Scendiamo come al solito a Karlsplatz, questa volta prendiamo in direzione Albertina passando per il palazzo del Neue Burg ed infine l’Hofburg, dove visitiamo il museo di Sisi (così si dice e non Sissi) e gli appartamenti reali, Kaiserappartements. Uscendo si susseguono uno dopo l’altro i bei palazzi del Parlament (peccato stiano lavorando proprio davanti) e della Rathaus. Con la metro andiamo al Palais Liechtenstein, ma non entriamo. Optiamo invece per il Museum Quartier dove sono concentrati alcuni importanti musei, ma il MUMOK che volevamo vedere oggi é chiuso. Andiamo a pranzo davanti la Rathaus dove passando abbiamo trovato un “villaggio internazionale”: tanti piccoli ristorantini di tutte le parti del mondo tra cui si può scegliere per poi mangiare ai tavolini di fronte. Scegliamo il cubano, ma l’indecisione é forte, comunque questi devono essere poi tutti ristoranti sparsi per Vienna che fanno promozione probabilmente in collaborazione con gli enti del turismo nazionali. Puntiamo ora al Belvedere inferiore per cercare il ristorante che abbiamo trovato segnalato su internet, il Salm Brau, bello, pensiamo...

Leggi tutto »

Martedì 20 Luglio 2004

Pernottamento: Vienna (Austria)

Città visitate: Vienna (Austria)

Racconto della giornata:

Mattinata culturale, andiamo al Kunsthistorisches Museum che ospita molti quadri di artisti italiani da Giorgione a Raffaello, ma i 18 euro in due non si rivelano un buon investimento, personalmente ho riconosciuto una sola opera!! Usciamo e passando da Albertina visitiamo Josef Platz e quindi esternamente la chiesa della comunità italiana di Minoritenkirche che non avevamo ancora visto. Presa la metro ci dirigiamo verso Uno City, per vedere il Danubio e per vedere (almeno da fuori) una delle tre più importanti sedi delle Nazioni Unite (le altre sono a New York e a Ginevra). Ripresa la metro andiamo al Salm Brau, ristorante vicino al Belvedere (50m sulla destra uscendo dal Belvedere Inferiore), molto caratteristico dove con 27 euro ci prendiamo un antipasto (del gulash) e due wiener schnitzel con birra della casa. Torniamo al campeggio per riprendere fiato per l’ultimo sforzo: il Prater. Fa caldo anche oggi, arriviamo al Prater verso le 5, c’é gente, non tantissima, ma ci sono anche brutte facce. Guardiamo i vari giochi, ma non é niente di più di un luna park. Non possiamo non salire però sul Riesenrad, la grande ruota panoramica costruita nel 1897 che ti porta a più di...

Leggi tutto »

Mercoledì 21 Luglio 2004

Pernottamento: Ljubljana (Slovenia)

Città visitate: Ljubljana (Slovenia)

Racconto della giornata:

Dopo colazione lasciamo il camping e Vienna a malincuore, ci siamo trovati proprio bene. Uscire é più facile che entrare e ripresa la A2 verso Graz, decidiamo di uscire a Fürstenfeld e fare un po’ di strada normale per vedere questa parte dell’Austria. Seguiamo la 66 passando per Feldbach (dove pranziamo al campo sportivo) e poi verso Bad Gleichenberg, quindi seguendo il corso della Mura verso Gosdorf. Paesi tranquilli di campagna poco trafficati si susseguono uno dopo l’altro. Riprendiamo l’autostrada per Maribor e quindi Lubiana. Cantieri aperti e tratti incompleti sono molto seccanti e solo nel pomeriggio arriviamo nella capitale. Il camping Jezica (Dunajska 270, Ljubljana) non é ben segnalato, dobbiamo chiedere, ma troviamo un ragazzo molto gentile che parla inglese e che si offre di farci strada visto che doveva andare alla piscina (poi chiusa) accanto al camping. Che fortuna!! Doccia e quindi visita alla città, siamo stanchi del viaggio e non ci godiamo a pieno la bella Lubiana. Il pullman (la fermata del 6 e dell’8 sono davanti l’entrata) stride rispetto a quelli con aria condizionata di Vienna e dopo 15 minuti sono bagnato. 260.000 abitanti, non molti, che...

Leggi tutto »

Mezzi di trasporto: « Nascondi/Mostra »

Giovedì 22 Luglio 2004

Pernottamento: Novi Vinodolski (Croazia)

Città visitate: Novi Vinodolski (Croazia)

Racconto della giornata:

Abbandoniamo la calda Lubiana e via tangenziale prendiamo verso sud seguendo per Ribnica e Kocevje. La strada è buona e poco traffica, solo l’ultimo tratto verso il confine é un po’ tortuoso. Facciamo il confine a Brod na Kupi e poi prendiamo l’autostrada, usciamo subito per tagliare Rijeka, ma le strade sono strette ed impervie così riprendiamo l’autostrada E65 per Rijeka che passiamo velocemente visto il caos e puntiamo verso il sud. Stanchi ci fermiamo al camping Luje a 10 Km da Novi Vinodolski dove pranziamo e il pomeriggio ci godiamo il sole sulla spiaggetta rocciosa. Il mare é bello e facciamo il bagno, fa caldo. Il posto é sulla strada costiera, ma non si sente, le docce sono fredde, ma il bello di questo campeggio è che non è affollato e quindi da un certo senso di avventura e tranquillità. Ci sistemiamo vicino delle piante che almeno verso sera riparano dal sole. La sera mangiamo nel piccolo ristorante fuori dal campeggio, paghiamo solo 111 Kune per due secondi, ma non sono molto abbondanti. Almeno era bello ventilato ed il clima era rilassato. Cenato a nanna, ma fa caldo.

Venerdì 23 Luglio 2004

Pernottamento: Biograd na Moru (Croazia)

Città visitate: Biograd na Moru (Croazia), Sibenik (Croazia)

Racconto della giornata:

Credo siano le 6 quando mi sveglio per il caldo e per il rumore del segnalatore del pannello solare. Provo a risolvere salendo sul tetto a pulire il pannello, ma niente. Si spegne da solo ed io, ormai sveglio, vado a farmi una doccia. Il campeggio é ancora addormentato e il sole é ancora dietro la collina, davanti a me uno spettacolo l’isola di Krk, illuminata dalla luce dell’alba che illumina il paesaggio lunare dell’isola. Partiamo presto, credo verso le 8 in direzione sud, lungo la strada costiera. Una curva continua, fortunatamente non c’é grande traffico, ma sembra non finire mai. Entriamo a Zadar, ma é un gran casino, così ne usciamo al più presto dopo la spesa. Puntiamo a sud e alla fine visto che sono le circa le 14 facciamo un ultimo sforzo per arrivare nel punto più a sud del viaggio: il Parco Nazionale di Krka. Con il battello, compreso nelle 60 Kune, raggiungiamo le cascate di Skradinski Bug, le più vicine. Molto belle e molto affollate, pensavamo ci fosse meno gente, ma é un posto molto sponsorizzato. Non proseguiamo oltre a piedi perché siamo troppo stanchi, così, foto e poi via di nuovo sul battello. Abbiamo ancora 50 km per arrivare a Biograd...

Leggi tutto »

Mezzi di trasporto: « Nascondi/Mostra »

Sabato 24 Luglio 2004

Pernottamento: Biograd na Moru (Croazia)

Città visitate: Biograd na Moru (Croazia)

Racconto della giornata:

Oggi finalmente fermi, il campeggio non é il massimo, ma avevamo bisogno di riposo per sistemare il camper e per rilassarci dopo la giornata dura di ieri. Mattina sole, pranzo, riposino e poi nuovamente sole. Domani però si parte perché dobbiamo fare acqua e scaricare (qui nel camping non c’é lo scarico!!). Stiamo in spiaggia fino alle 8, siamo tra gli ultimi quando la lasciamo e sono ormai le 10 quando mangiamo la nostra “verdurata”.

Domenica 25 Luglio 2004

Pernottamento: Novalja (Croazia)

Città visitate: Novalja (Croazia)

Racconto della giornata:

Stanotte ha piovuto, secondo quello del camping erano decine di giorni che non veniva giù una goccia. Col tempo coperto lasciamo il camping verso Nin, peccato che ci sia traffico, tutti colgono l’occasione per far spese e spostarsi. Niente di interessante a Nin, neppure a Vir (troppo caos), così passando il ponte proseguiamo verso Pag dove non ci sono campeggi. Il paesaggio inizialmente é lunare, spazzata dal vento, l’isola non ha vegetazione, sul lato ovest, e dov’è riparata, invece c’è una ricca vegetazione mediterranea. Percorriamo tutta l’isola per trovare finalmente posto a Novalja (il camping Simuni era troppo pieno), nel camping Strasko (metà normale-metà naturista). Il campeggio é molto grande e quindi c’è spazio di scelta e di manovra, con fondo erboso e alberi. Scegliamo la nostra postazione e finalmente pranziamo verso le 2. Riposino e poi in spiaggia, di ciottoli bianchi ovviamente. L’insenatura è davvero bella e anche le acque sono trasparenti, probabilmente la miglior spiaggia di queste vacanze. Il tempo però non è dei migliori. Rimaniamo fino alle 8 e poi andiamo in paese (circa 2 km) e ceniamo al ristorante Adria. Soliti prezzi...

Leggi tutto »

Mezzi di trasporto: « Nascondi/Mostra »

Lunedì 26 Luglio 2004

Pernottamento: Novalja (Croazia)

Città visitate: Novalja (Croazia)

Racconto della giornata:

Il cielo é coperto, noi alle 8 ci alziamo lo stesso e alle 9 ci piazziamo con le nostre seggioline in spiaggia. Scende anche qualche goccia, ma il tempo piano piano migliora ed esce anche il sole. Torniamo in camper per il pranzo credo verso le 12-13 visto che non abbiamo l’orologio seguiamo i nostri bioritmi. Il cielo di nuovo si vela, ma alle 5 quando scendiamo verso la spiaggia il sole torna a battere e noi ce lo godiamo per 3 ore. La sera decidiamo nuovamente di uscire a mangiare, questa volta alla Konoba Busola, tanto non costa molto (150 kune). Domani restiamo qui, é inutile mettersi alla ricerca di un nuovo posto, qui il mare é bello e il camping buono per cui preferiamo restare.

Martedì 27 Luglio 2004

Pernottamento: Punat (Croazia)

Città visitate: Punat (Croazia)

Racconto della giornata:

Pensavamo di restare, ma il tempo é peggiorato e piove. Con un gran vento, a cui si somma la strada tutta curve e con pendenze del 9%, arriviamo al punto di imbarco di Zigljen dove si prende il traghetto della Jadrolinija per Prizna (170 Kune camper e due persone). Il mare é mosso, il cielo cupo ed i due traghetti fanno fatica a farsi strada tra le onde. Riusciamo comunque indenni dall’attraversata e riprendiamo la ben conosciuta strada costiera in direzione nord. Il ponte per l’isola di Krk, la più grande dell’Adriatico, costa 20 kune per i camper e permette di accedere all’isola. La strada all’inizio é buona e poi peggiora verso Krk. Puntiamo a Punat, al camping Pila dove ci sistemiamo nell’attiguo parcheggio-campeggio. E’ un prato senza alberi, con corrente e con la possibilità di usare i servizi del camping vero e proprio, ma costa meno: 22 euro a notte. Oggi non fa caldo e pensiamo possa andare, domani torniamo a nord dell’isola. Pomeriggio sole (spuntato alle 3) e poi pasta in camper, fuori fa fresco, ma facciamo ugualmente un giro in paese. Punat almeno verso le 11 é semivuota, forse per il freddo che c’é, sembra più settembre che luglio.

Mezzi di trasporto: « Nascondi/Mostra »

Mercoledì 28 Luglio 2004

Pernottamento: Omisalj (Croazia)

Città visitate: Omisalj (Croazia)

Racconto della giornata:

Lasciamo la poco entusiasmante Punat per risalire l’isola di Krk fino a Njivice nel comune di Omišalj. Ci sistemiamo al camping Njivice (Primorska cesta, 51512 Njivice Tel. +385 (0) 51846168) verso le 11 e trenta. Il campeggio é abbastanza pieno e troviamo posto solo tra due roulotte olandesi. Nel pomeriggio andiamo in “spiaggia”, in realtà una sottile striscia di sassi e rocce, fino alle 7 quando ormai le nuvole non lasciavano presagire più alcuna speranza. Il mare é bello, ma tutte i gommoni ormeggiati e l’angusta spiaggia non invogliano al bagno. Mangiamo in camper per poi andare a fare un giro in paese, anche questa sera in maglione. C’é molta vita e diversi e caratteristici sono i ristoranti e gelaterie sul porto e sul lungomare. Musica, luci e tanta gente.

Mezzi di trasporto: « Nascondi/Mostra »

Links utili:

Giovedì 29 Luglio 2004

Pernottamento: Omisalj (Croazia)

Città visitate: Omisalj (Croazia)

Racconto della giornata:

Fermi. La giornata sembra nuovamente non delle migliori così andiamo in paese a vedere se troviamo delle vongole o cozze, ma niente. Tornati andiamo in spiaggia dove il sole sembra spuntare, invece nulla. Il pomeriggio é tutto tristemente coperto. Facciamo allora la doccia presto e poi a 7 e mezza usciamo a cena. Mangiamo una pizza jumbo (molto grande e devo dire buona) alla pizzeria Dundo sul lungomare e poi facciamo un giretto e ci mangiamo una banana split in due in una delle gelaterie. Poi in camper a scrivere alcune cartoline.

Venerdì 30 Luglio 2004

Pernottamento: Omisalj (Croazia)

Città visitate: Omisalj (Croazia)

Racconto della giornata:

Finalmente sole. Probabilmente ci saremmo spostanti, ma per fortuna oggi siamo riusciti a fare una completa e rilassante giornata di mare. Di spiaggia sabbiosa niente, solo sassi e roccia. Abbiamo anche fatto l’ultimo bagno al tramonto e stasera fuori per una pizza visto che era buona e costava poco. Poi a nanna.

Sabato 31 Luglio 2004

Racconto della giornata:

Ci ritagliamo la mattinata ancora nel campeggio per prendere l’ultimo sole, poi facciamo una bella doccia (finalmente calda) e pranziamo. Lasciamo il camping verso le 12.30. Risaliamo l’isola e riprendiamo il ponte (20 Kune anche al ritorno) e prendiamo verso Rijeka. La strada è affollata in ambo i sensi e non solo le code sono verso sud, ma anche verso nord. Nella tangenziale facciamo anche noi coda tra una galleria e l’altra. Facciamo benzina per spendere le ultime kune e poi finalmente il traffico si snellisce una volta in Slovenia (dove portiamo al pieno il serbatoio) appena dopo il bivio che da un lato porta in Italia e dall’altro verso Lubiana. Da Trieste viaggiamo senza sosta fino a casa dove arriviamo alle 7 e 20 dopo 487 Km.

Mezzi di trasporto: « Nascondi/Mostra »


Commenti Ricevuti

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
Registrati adesso!

Login

Username:



Password:



Rimani connesso




Registrazione nuovo utente