Questo sito utilizza i "cookie" per facilitare la tua esperienza di navigazione. Accetta e continua - Cookie Policy

Pubblicato da Tania | 01/12/2011 11/12/2011 | 5 | 1593

Phuket e Bangkok

Località visitate:

Bangkok (Tailandia), Phuket (Tailandia)


Mezzi di trasporto:


Racconto del viaggio

Dopo circa 21 ore di viaggio in aereo con Etihad e Bangkok Airways (Malpensa-Abu Dhabi-Bangkok-Phuket), ultimo tragitto in taxi per arrivare dopo 30 minuti al nostro albergo “Kamala Beach Resort” sulla sponda occidentale dell’isola a Kamala beach. L’indomani eccoci sdraiati sulla spiaggia antistante l’albergo, con 30°C, un sole quasi fastidioso da tanto è forte e un oceano tranquillo, azzurro e caldo. Nel pomeriggio però le cose cambiano: cielo grigio e acquazzone. Quindi senza indugi ci dirigiamo a Patong, cittadina vicina per lo shopping locale (la contrattazione con i locali è sicuramente la parte più divertente dell’acquisto) tra centri commerciali e negozietti. La sera decidiamo di fermarci in città a mangiare ed eccoci in un tipico localino con pesce fresco di giornata nel piatto che fino a venti minuti prima abbiamo scelto direttamente noi dalla vasca (gamberi, granchi, aragosta e pescioloni locali) tutto accompagnato da una buonissima birra locale (Singha). Dopo cena andiamo nella strada “della perdizione” con night club (come li potremmo chiamare dalle nostre parti) all’aperto, uno accanto all’altro con gente “folkloristica” a ogni angolo molto “ospitale”. Nei giorni successivi ogni momento di sole era dedicato allo svago in spiaggia mentre nei momenti nuvolosi alle gite locali. Una mattina eccoci in groppa agli elefanti per andare a visitare uno dei Buddha più grandi del Paese tuttavia ancora in costruzione (Muang-Phuket). Una giornata è stata invece dedicata alla scoperta delle isole adiacenti. Con una barca a motore partenza dal molo di Phuket e dopo circa un’ora eccoci alla spiaggia di Maya Bay dove è stato girato “The Beach” con Di Caprio. Colori turchini da libro fotografico ma all’orario di punta in piazza Duomo a Milano c’è meno gente… A pranzo andiamo sull’isola di Phi phi don completamente ricostruita dopo lo tsunami del 2004. E per finire dopo la tappa all’isola delle scimmie (chiamata cosi per le scimmiette a cui si possono dare le banane) un po’ di snorkeling a Khai Nok island. Dopo 5 giorni di svago eccoci di nuovo in volo per l’aeroporto Suvarnabhumi International di Bangkok. Alloggiamo al “The Twin Towers Hotel” vicino al centro città. Shopping 24 ore nei centri commerciali della città compreso lo shopping notturno al mercatino notturno di Patpong. Ultimo massaggio thailandese (che ci ha accompagnato quotidianamente) e quindi di nuovo in taxi per l’aeroporto…questa volta verso casa.

Links utili:





Commenti Ricevuti

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
Registrati adesso!

Login

Username:



Password:



Rimani connesso




Registrazione nuovo utente