Questo sito utilizza i "cookie" per facilitare la tua esperienza di navigazione. Accetta e continua - Cookie Policy

Pubblicato da LaValeRoo | 02/04/2014 04/04/2014 | 2 | 373

weBerlin

Località visitate:



Racconto del viaggio

Non sarà un diario di viaggio, nemmeno una guida, ma un insieme di pensieri dedicati a questa città che porta con sè i fardelli di una storia fredda e atroce. Prima di partire per Berlino mio padre mi ha dato un libro da leggere, datogli in regalo da mia nonna che è stata a Berlino molto prima di me. Ho cercato di documentarmi un po', per capire cosa mi aspettava e per cercare di immedesimarmi. Ovviamente non starò a raccontare i fatti, vi racconto cos'è Berlino vista dai miei occhi. Il percorso in treno è di quelli più strani che abbia fatto, non so spiegare. E' diverso. Si scorgono questi palazzoni simmetrici, squadrati e tutti uguali. Bianchi e grigi. Il treno è quasi vuoto. La metro è incomprensibile ma cerchiamo di districarci. :) Quando usciamo dal tunnel, quello della fermata sbagliata :D ,davanti a noi troviamo una città pulita e stranamente silenziosa. All'uscita della metro giusta invece il silenzio scompare, Potsdammer Platz è un miscuglio di persone, di macchine, di incroci e semafori. Camminando ci rendiamo conto che qualche palazzo nasconde al suo interno i resti del vecchio muro, oltre a quelli visibili tranquillamente dall'esterno. Si prova un non so che di strano e la mente torna indietro nel tempo, e prova, ci tenta, ad immaginare che magari proprio lì, qualcuno è stato assassinato, solo perchè voleva scappare e riabbracciare un suo caro. Sempre camminando si scopre che sulle strade e nel verde dei parchi una linea scura mostra dove passava quel confine, che ha segnato questa città per anni. Se si osservano i palazzi sono tutti moderni, quell'incubo non è tanto lontano da noi, si parla di un passato di pochi anni e durato ben ventotto. La linea ogni tanto è interrotta da nuovi palazzi, alcuni grattacieli, da starbucks, da negozi di abbigliamento e monumenti. Seguendola si arriva alla porta di Brandeburgo, maestosa e imponente, da lì si passava per andare dalla Berlino est alla ovest, ma era solo per alcuni, i privilegiati. La piazza è silenziosa, si sente solo il vociare delle persone sedute sulle panchine e nei bar e lo scalpitio delle carrozze di cavalli. Quando il sole scende la porta è un enorme ombra nera contro sole. Alla sua destra c'è il parlamento e il governo, che già dall'esterno dice tutto di questa attuale città. Costruito con materiali "verdi" e al suo interno i parlamentari siedono su umili sedie blu in plastica. E dopo il giro turistico sulla cupola, dove si può scorgere tutta Berlino e le sue gru, segno di una città in continua costruzione e rinnovo, abbiamo attraversato il Tiergarten fino ad arrivare al memoriale della Shoah, all'interno ci si diverte quasi, i bambini corrono scappando dai genitori che li chiamano tra le stele di calcestruzzo. Sono ancora troppo piccoli per capire, ma forse è meglio vederla come lo vedono loro.
Ultima tappa di questa tre giorni è Alexander Platz e la torre della televisione. La prima mi ha lasciato delusa, era sporca.. triste, questo è quello che mi ha trasmesso, la seconda è stata una scoperta. La intravedi da ogni parte della città ma da sotto è davvero massiccia. Un'ascensore dal soffitto trasparente porta fino a 200m di altezza in pochi secondi. Il bar è stupendo e il ristorante ancora di più, mentre ceni puoi scorgere tutta la città, mentre tutto ruota di 360°. Noi abbiamo scelto l'ora esatta del tramonto, così abbiamo visto Berlino illuminarsi in tutto il suo splendore. Per quanto io ami la natura e tutto il suo essere, rimango comunque piacevolmente stupita anche da questi ammassi di cemento. Purtroppo noi umani non siamo in grado di fare altro.



Fotografie



Commenti Ricevuti

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
Registrati adesso!

Login

Username:



Password:



Rimani connesso




Registrazione nuovo utente