Questo sito utilizza i "cookie" per facilitare la tua esperienza di navigazione. Accetta e continua - Cookie Policy

Pubblicato da Claudio | 17/04/2010 18/04/2010 | 2 | 1139

Weekend alle Cinque Terre

Località visitate:

La Spezia (Italia), Lerici (Italia), Riomaggiore (Italia), Vernazza (Italia), Vezzano Ligure (Italia)



Racconto del viaggio

Devo ringraziare innanzitutto Lufthansa per questo weekend ligure, è infatti attraverso un concorso vinto che siamo potuti andare. Il premio consiste in un soggiorno (una notte), in un hotel in Italia e abbiamo scelto l’albergo Relais al Convento di Vezzano Ligure, un piccolo paese a pochi chilometri dalla città di La Spezia. Partiamo sabato mattina con una giornata non bellissima, il cielo è coperto, ma tanto dobbiamo viaggiare per cui poco cambia. Decidiamo di passare da Genova e fermarci all’Outlet di Serravalle vicino ad Alessandria. Arriviamo prima di pranzo e facciamo un giro per i 180 negozi del complesso, non c’è ancora folla, ma il parcheggio si riempie velocemente. Non troviamo niente di davvero interessante così ci limitiamo a mangiare qualcosa al Burger King per poi riprendere la strada per Vezzano. A metà pomeriggio il cielo si apre proprio quando avvistiamo il mare. Vezzano Ligure è un paese di 7mila abitanti che ai tempi fu luogo di riposo lungo la via Franchigena, arroccato su una montagna con una bella vista sulla pianura sottostante, un paese al di fuori dei tradizionali percorsi. Trovato un po’ a fatica il parcheggio, ci muoviamo per le strette vie del paese fino all’ingresso dell’albergo. Il nostro hotel è intimo e nel cuore del paese vicino alla piazza della chiesa, è un tre stelle appena restaurato, le camere sono piccole, ma confortevoli. Niente lussi sia chiaro, ma tutto è pulito e nuovo. Riposiamo un attimo in camera e poi prendiamo il cocktail di benvenuto prima di andare a Lerici, uno dei tre comuni che si affacciano sul Golfo dei Poeti. Parcheggiamo e prendiamo il pullman gratuito che porta in centro e facciamo un giro per le caratteristiche strade del centro passeggiando sul lungomare. Il comune di Lerici è situato nella Riviera di Levante e sorge al centro di una piccola insenatura naturale, dominata da un promontorio su cui spicca l'imponente castello, oggi sede museale. Il comune fa anche parte del Parco naturale regionale di Montemarcello - Magra. Alla città è stata anche conferita la Bandiera Blu per la qualità delle spiagge. Si avvicina l’ora di cena e ci muoviamo verso La Spezia dove parcheggiare sembra impossibile. Avevamo qualche ristorante tratto da internet, ma ce lo sconsigliano così alla fine ripieghiamo all’Osteria Mimmi (via S. Agostino 66, La Spezia) che si trova nella zona centrale della città. Prendiamo un primo di pesce, ma i pareri sono discordanti. Paghiamo 54,20 Euro, ma senza troppo entusiasmo. Facciamo ancora un giro per il centro che ora si è svuotato dopo la chiusura dei negozi. Torniamo a Vezzano a dormire, ma abbiamo un fuori programma con una bella rissa nel cuore della notte proprio sotto la nostra finestra. E noi che pensavamo fosse un paesino tranquillo! La cosa migliore dell’albergo è forse la colazione di torte e crostate fatte in casa, ci riempiamo bene prima di lasciarlo per andare a prendere il treno a La Spezia per le Cinque Terre. Le Cinque Terre sono state dichiarate dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità dal 1997. E’ un territorio in cui mare e terra si fondono a formare un’area unica e suggestiva. Diciotto chilometri di costa rocciosa ricca di baie, spiagge e fondali profondi, sovrastata da una catena di monti che corrono paralleli al litorale. Terrazzamenti coltivati a vite e a olivo, il cui contenimento è assicurato da antichi muretti a secco. Un patrimonio naturalistico di grande varietà. Sentieri e mulattiere dai panorami mozzafiato. Cinque borghi: Monterosso al Mare, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore, che si affacciano sul mare. Un ambiente in cui il lavoro secolare di generazioni ha trasformato un territorio inaccessibile in un paesaggio di straordinaria bellezza. Per arrivarci noi scegliamo di prendere il treno dalla stazione di La Spezia che ha molte corse durante il giorno. Fermiamo a Riomaggiore per poi percorrere la Via dell’Amore (un chilometro circa) fino a Manarola, poi proseguiamo lungo il sentiero (un altro chilometro) fino a Corniglia dove riposiamo andando a mangiarci una pasta al peso al ristorante Dau Tinola (via Fieschi 31, Corniglia). Ci limitiamo al primo visti i prezzi turistici della zona (è pieno di americani e stranieri)! Comunque buono, ma non molto abbondante. Paghiamo 32 Euro e riprendiamo poi il treno per Vernazza dove ci fermiamo ad ammirare il paesaggio, spettacolare. Sono circa le tre quando decidiamo di riprendere il treno per La Spezia. Siamo stanchi essendo in piedi o in cammino dalla mattina. A La Spezia recuperiamo la macchina e prendiamo la strada verso casa, questa volta per la più veloce Cisa. Per cena a casa!

Links utili:





Commenti Ricevuti

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
Registrati adesso!

Login

Username:



Password:



Rimani connesso




Registrazione nuovo utente