Questo sito utilizza i "cookie" per facilitare la tua esperienza di navigazione. Accetta e continua - Cookie Policy

Pubblicato da Claudio | 10/03/2015 14/03/2015 | 2 | 1068

Madrid mordi e fuggi

Località visitate:

Madrid (Spagna)


Mezzi di trasporto:


Racconto del viaggio

Non è questa una Madrid da turisti, ma una città vissuta nel tempo libero tra un impegno di lavoro e l’altro e quindi soprattutto notturna e gastronomica. Madrid è la prima città della Spagna da quasi cinque secoli, da quando cioè un re schivo e risoluto decise di portare in un modesto borgo sulle rive del fiume Manzanares l'intera corte; da allora Madrid ha consolidato il suo ruolo fondamentale diventando negli anni centro politico e finanziario del paese nonché città europea tra le più vive dal punto di vista artistico e culturale. Situata nel cuore della Spagna, Madrid è il punto di partenza di tutti i viaggi alla scoperta del paese, non solo per la presenza in Puerta del Sol del "kilometro zero" (guardate per terra e troverete l’inizio di tutte le strade) a partire dal quale si calcolano tutte le distanze ma anche perché comprende in sé suoni sapori e tradizioni di tutta la nazione. Madrid ha tre milioni di abitanti, ma non sembra così caotica come altre città. L’Aeroporto è perfettamente collegato con il centro attraverso la metropolitana in due stazioni a seconda del terminal di arrivo/partenza. Il biglietto dall’aeroporto ha un supplemento di 3 Euro, ricordatevelo al momento dell’acquisto. E’ anche possibile acquistare le card da 24 a 120 ore oppure i carnet con 10 viaggi a seconda delle esigenze. L’albergo è vicinissimo alla fermata Alfonso XIII, si chiama Confortel Suites Madrid è un quattro stelle di recente ristrutturazione. Per noi era importante la posizione a metà strada tra fiera e centro, la hall è bella e anche la colazione è buona. Le camere hanno qualche pecca come l’aria condizionata che non raffresca, l’ascensore che fa le bizze e la cassaforte scarica, ma nel complesso non è male. Nella zona ci sono anche diversi negozi e ristoranti. Cosa siamo riusciti a vedere? In Plaza Puerta del Sol oltre al chilometro zero anche la statua con uno dei simboli di Madrid: l’orso e il corbezzolo. Puerta del Sol è una delle piazze più importanti e famose ed è il centro delle celebrazioni nazionali della mezzanotte di San Silvestro con il famoso orologio che batte i 12 rintocchi inoltre è il salotto di città e la culla prima di ogni attività commerciale, culturale, amministrativa di Madrid, di cui oggi rappresenta un simbolo noto agli occhi del mondo anche per aspetti più profani come la grande insegna luminosa dello sherry Tio Pepe che domina l'intera piazza. Infine Plaza Mayor una maestosa piazza con portici costruita all’inizio del XVII secolo, secondo me una delle più belle al mondo da vedere sia di giorno sia di notte. Nelle quattro sere a disposizione abbiamo avuto il piacere di provare quattro ottimi ristoranti. In generale la sensazione è che in Spagna e a Madrid si mangi bene, ma chiedendo a passanti, ai receptionist ed a amici locali siamo arrivati a questi quattro locali e devo dire che non abbiamo mai sbagliato. Il primo è vicino al nostro albergo e si chiama Los Torreznos si tratta di una piccola catena di tre locali che si trovano a Madrid che prendono il nome da un piatto tipico che è una specie di costoletta. Qui si mangiano tapas, si cena con tanti assaggi di piatti tipici spagnoli partendo dagli affettati (gli eccezionali lomo e chorizo iberico), fino ai funghi ripieni, i calamari fritti, le croquette al formaggio/prosciutto e le patatas bravas. Spesa intorno ai 30 Euro. Secondo è il Los Galayos vicino a Plaza Mayor (l’alternativa era Casa Botin che è il più storico, ma ci sembrava troppo turistico) che opera dal 1894. Dopo un antipasto di prosciutto scegliamo la paella valenciana. Tutto ottimo e abbondante. Il locale è in pieno centro, curato e raffinato, il conto è sui 35 Euro. Poi il Cinco Jotas in Calle Jorge Juan una via piena di ristorantini interessanti. In teoria dovevamo andare nel ristorante a fianco, ma anche questo era buono. Antipasto, secondo e dolce a 36 Euro. Infine selezionato online la Taberna la Concha nel bellissimo quartiere de La Latina uno dei cuori della vita notturna madrilena. Qui c’è davvero l’imbarazzo della scelta, questo locale è piccolo, ma molto caratteristico. La cameriera gentilissima, piatti ottimi e abbiamo speso solo 30 Euro uscendo pieni pieni.

Links utili:





Commenti Ricevuti

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
Registrati adesso!

Login

Username:



Password:



Rimani connesso




Registrazione nuovo utente